Come organizzarsi nei compiti a casa

Per potersi organizzare al meglio, il primo passo è organizzare il tempo, spazio e materiali, poi porsi un obiettivo chiaro con eventuali sotto-obiettivi fattibili.

Organizzare tempi luoghi e materiali:

Quando: lo studio deve essere impostato in momenti caratterizzati da una buona concentrazione, evitando quindi di interrompere attività coinvolgenti e attivanti, come i giochi o chiacchierate con amici. Impostare orari fissi di studio la mattina quando possibile o nel primo pomeriggio può essere una buona strategia.

Dove: i compiti non si possono fare sulla tavola in cucina, mentre la famiglia svolge altre attività. Fare i compiti richiede concentrazione, è quindi necessario che la distrazioni stiano lontane (tv, cellulari, altre persone ecc…). Una tavola ben illuminata, spaziosa, senza distrazioni al silenzio è perfetta.

Materiali: i materiali devono essere tutti a disposizione, non devono diventare una scusa per alzarsi.

Organizzare le attività: porsi degli obiettivi e organizzarli in base alla loro difficoltà. Questa parte inizialmente potrebbe richiedere l’aiuto dei genitori, portando i ragazzi piano piano verso l’autonomia.

Dare una visione generale alle attività che dobbiamo svolgere con un planner: scrivere tutti i compiti da fare, giorno per giorno in base al tempo e alla difficoltà.

Tempi e difficoltà: prima i compiti più difficili, che occupano tanto tempo, perché abbiamo più energie, breve pausa, come bere un po’ d’acqua, andare in bagno ecc… in seguito si prosegue con i compiti di media difficoltà, fare una pausa grande come la merenda e concludere con le attività che reputate facili.

Porsi sotto-obiettivi: raggiungere un obiettivo ci permette di essere soddisfatti, questa soddisfazione crea una riserva motivazionale che ci spinge a intraprendere un altro obiettivo. Quindi porre degli obiettivi CORTI, CHIARI e RAGGIUNGIBILI, motiva i nostri ragazzi.

es. faccio i compiti → sotto-obiettivi: completo la scheda di matematica, faccio 2 espressioni, leggo il testo di italiano.

Questi sono piccoli consigli per lavorare con metodo, pianificare le attività da la possibilità di vedere dove arrivare, portando il bambino o ragazzo a stimolarsi per raggiungere l’obiettivo.

Posted on
Categories : Categories Blog